18/10/2017

ASOLO 2015: ATTENZIONE! Primavera calda, forte rischio scottature!

torrido

Magari mi stessi riferendo al meteo! La primavera calda a cui mi riferisco è quella che si appresta a vivere il nostro Comune. Il 2015 sarà l’anno dell’inizio delle celebrazioni del centenario della Grande Guerra, della mostra su Canova, dell’EXPO, dell’inizio dei lavori del completamento del primo stralcio del plesso unico, dell’adozione del nuovo PAT e di molti altri, più piccoli, provvedimenti. Insomma, sarà un anno ricchissimo di scelte da prendere ed alcune di queste, come il PAT, potranno condizionare per lungo tempo il nostro territorio.

Scrivo questo mio pezzo perché in queste due settimane ho avuto modo di prendere parte a tre differenti commissioni consiliari: la commissione Cultura e Turismo che presiedo, la commissione Lavori Pubblici e la commissione Urbanistica.temperature

Andando in ordine temporale, la prima a riunirsi è stata la commissione Cultura e Turismo che prevedeva quattro punti all’ordine del giorno:1) stato avanzamento lavori di preparazione delle celebrazioni del centenario della Grande Guerra;2) mostra sul Canova; 3) ricognizione sullo stato dell’ufficio di promozione turistica; 4)varie ed eventuali. Una doverosa premessa va fatta riguardo alla presenza dei commissari: dei sette componenti ( Regosa, Pessetto, Dal Bello, Pastro, Miotto, Cunial e Bin ) eravamo solo io e Pessetto con l’unica assente giustificata la consigliera di maggioranza Miotto, alla riunione poi era stato invitato il signor Emanuele Petrin in qualità di coordinatore del comitato cittadino per le celebrazioni della Grande Guerra. Visto l’ordine del giorno e vista la strategicità della commissione per il futuro di Asolo mi sarei aspettato una partecipazione ben più numerosa.

Petrin ha esposto il programma che fin qui il comitato ha elaborato: per il 2015 sistemazione a cura dei gruppi alpini locali del memoriale ai caduti della prima guerra mondiale in località Col Marion, pulizia e apertura al pubblico di alcuni tratti di trinceramenti presenti nelle nostre colline e posizionamento di alcune steli informative nei luoghi principali degli avvenimenti bellici del nostro territorio. Per il 2016 una mostra, da realizzarsi nella torre del castello, che abbia come perno quattro filoni di racconto: i civili, i nostri soldati, il territorio e i personaggi famosi che hanno gravitato sull’asolano in quel periodo. Dalla discussione che si è tenuta quella posso dire che sono emersi due aspetti tanto netti quanto in contrapposizione, da una parte la grande passione e professionalità di Petrin nel portare avanti il suo lavoro di ricerca storiografica e dall’altro ( un mesto contraltare ) la mancanza quasi totale di una visione globale e organizzativa seria delle attività da mettere in campo per le celebrazioni del centenario. Manca un referente in grado di coordinare i vari soggetti ( studiosi, grafici, addetti alle pubbliche relazioni, gruppi di volontari, ecc ) che partecipano al progetto, manca un business plan, non si sa quanto costerà questo avvenimento, non si sa quanto si potrà eventualmente ricavare da quest’iniziativa, mancano ad oggi delle figure professionali specifiche come ad esempio gli addetti a studiare la grafica dell’evento, gli addetti alle pubbliche relazioni, un addetto al reperimento dei fondi, e tutte quelle figure indispensabili per realizzare dignitosamente un evento così complesso e duraturo nel tempo ( 2015-2018 ).

RISCHIO SCOTTATURA ELEVATO!

Il secondo punto riguardava l’organizzazione, da parte dei Comuni di Asolo, Possagno e Crespano assieme alla Fondazione Canova, di una mostra sul noto scultore di Possagno che si terrà, diffusa sul territorio, tra la primavera prossima e natale 2015. L’organizzazione sarà affidata alla Fondazione e ogni Comune ha messo a disposizione un budget di 60.000 euro.

RISCHIO SCOTTATURA BASSO.

Poi abbiamo parlato dello IAT e qui l’assessore ha spiegato come dal primo gennaio 2015 l’ufficio cambierà profondamente gestione ed in parte mansioni: sarà direttamente dipendente dal Comune, i costi verranno spartiti tra il comune di Asolo e l’IPA con un contributo iniziale da parte della Regione. L’ufficio poi, dopo i dovuti accorgimenti architettonici, fungerà da ingresso del Museo Civico consentendo di fatto un maggior orario di apertura. Ho proposto all’assessore che l’ufficio possa diventare un punto vendita dei biglietti degli autobus extraurbani, visto che ad Asolo non c'è una rivendita e chi vuole muoversi col servizio MOM deve comprare il biglietto in bus pagando anche il sovrapprezzo. Inoltre ho proposto che possa vendere tutto quel merchandising che era stato studiato per la realizzazione del portale web turistico asolo.it e mai realizzato. Speriamo che queste proposte vengano accolte! L’ufficio costerà circa 25.000 euro all’anno, se anche un 20% delle spese fosse coperto dalle vendite di oggetti marchiati Asolo o da altri prodotti, ad esempio i vini DOCG del nostro consorzio, non credo sarebbe male.

RISCHIO SCOTTATURE MEDIO, PRESTARE ATTENZIONE!

In conclusione si è parlato del concerto di Capodanno: concerto proposto ed offerto dal signor Zanetti, proprietario dell’omonima ditta di caffè e dell’hotel Cipriani. Per il Comune le spese saranno quelle dell’allestimento del palco, circa 5000 euro, e del vitto e alloggio per la band, composta di circa dieci persone. L’assessore mi ha confermato la volontà della maggioranza di organizzare “un mini calici di stelle “ con gli stand enogastronomici in piazza e concerti di gruppi minori che partiranno dalle ore 20:00.

RISCHIO SCOTTATURE BASSO, ATTENTI CHE IL BRULE’ E’ CALDO !!

 

La seconda riunione è stata quella della commissione Lavori Pubblici: il tema principale sono stati i lavori del plesso unico di Casella. L’ingegnere incaricato di realizzare i progetti esecutivi del primo e dei successi stralci ha illustrato il suo lavoro. La novità più importante è quella che riguarda l’accorpamento del secondo e del terzo stralcio in un unico intervento. Ciò comporterà una cura dimagrante del terzo stralcio con il forte ridimensionamento della parte degli uffici della direzione didattica. Un drastico ridimensionamento che non coinvolgerà però i costi perché si passerà da 2.400.000 euro per il secondo stralcio più altri 1.200.000 per il terzo ad una cifra che si aggira sui 3.500.000 euro ( le cifre che ci sono state date sono, per ammissione stessa dei tecnici, puramente indicative ), con l’aggravante che tale somma dovrà essere messa a disposizione in un'unica soluzione anziché aver la possibilità di frazionarla in due distinte quote.

L’aspetto più importante però è stato quello sui contenuti stessi del progetto presentato, viso che nella discussione sono emersi due problemi: il sottodimensionamento dei locali collettivi ( atrio, aula magna e “palestrina” ) e il non corretto e funzionale disegno della viabilità di accesso ed uscita dalla scuola.

Vi ricordo che il plesso unico, una volta ultimato, ospiterà tutti i bambini delle attuali quattro scuole elementari del paese per un totale di circa 500 alunni, l’atrio e l’ingresso così come sono studiati ne possono accogliere si e no la metà, l’aula magna ha solo 200 posti a sedere ( immaginatevi le riunioni dei genitori, le recite di Natale, le conferenze, semplicemente impossibili da fare ) l’aula di psicomotricità ( la palestra ) è troppo piccola per essere utilizzata sia per gli sport di squadra che per contenere le recite dei bambini. Gli accessi carrabili, così come erano stati proposti, avrebbero portato alla creazione di colonne di auto di genitori che dovevano scaricare i propri figli davanti alla scuola fino lungo via Galileo Galiei andando ad intralciare il traffico che alle otto di mattina in quel tratto è molto intenso vista la vicinanza con l’area industriale del paese. Molte osservazioni sono state fatte da tutti i presenti, speriamo che questi suggerimenti vengano recepiti e che il progetto venga modificato altrimenti andremo a spendere altri 3,5 milioni di euro ( tutti da trovare ) per avere un edificio che appena nato non è già in grado di assolvere alle sue funzioni.

RISCHIO SCOTTATURA MOLTO ALTO, MASSIMA ATTENZIONE!

L’ultima riunione è stata quella della commissione Urbanistica, durante la quale il punto più importante è stato quello riguardante il Piano di Assetto del Territorio ( PAT ) che l’assessore Dalla Rosa vuole portate in adozione in Consiglio Comunale tra la fine di Marzo e l’inizio di Aprile 2015. La riunione è stata solo preparatoria, ma si sono gettate le basi per la definizione di un programma di massima da sottoporre ai progettisti nei prossimi mesi. Per adesso quello che è emerso è la volontà della maggioranza di ridimensionare fortemente le aree di nuova edificazione, sia civile che industriale, di fatto consentendo solo l’ampliamento dell’area industriale ad est della ditta Replay per circa 57.000 mq e di una piccola area di espansione urbana a Villa d’Asolo, in prossimità della rotonda su via Castellana. caldo

Il tema del territorio, e del suo strumento di governo il PAT, è molto sentito da me in prima persona e da tutto il gruppo di Asolo Viva e vi assicuriamo che vigileremo su tutto l’iter di formazione del piano e vi informeremo su ogni decisione presa. Per adesso possiamo dire che le premesse vanno nella direzione giusta, ma alle parole devono seguire i fatti, fino ad allora massima attenzione.

RISCHIO SCOTTATURE ELEVATISSIMO, MASSIMA ATTENZIONE!

 

Per adesso è tutto, vi saluto, vi auguro Buone Feste con la speranza che il 2015 sia un anno senza SCOTTATURE!

 

Andrea Regosa

 

happy wheels game

Article Tags

Related Posts